LA MIA CASA

Maremè, festival dei ragazzi 2019

Maremè – un mare di storie è un festival dei ragazzi di Siniscola.

Non abbiamo scelto a caso la preposizione DEI invece che PER; a loro ci siamo rivolti per costruire un percorso e a loro abbiamo chiesto un’assunzione di responsabilità: condividere più che partecipare, agire più che essere agiti. Per due giorni, sabato 26 e domenica 27 ottobre, tra Siniscola, La Caletta e Santa Lucia saranno loro ad accompagnare e presentare gli artisti che hanno accettato la proposta di partecipare alla prima edizione di questo festivalin cambio, ogni ospite terrà uno o più laboratori e si lascerà guidare alla scoperta del nostro territorio. E poi ci saranno spettacoli, giochi, e un albero a cui affideremo le storie da salvare, in modo che possano farsi frutti e seminare nuove storie…

Noi adulti staremo un passo o due indietro, pronti a dare manforte e sostegno ai giovani volontari, secondo un patto di mutua fiducia.

Il tema di questa prima edizione sarà la mia casa, come il titolo di una canzone di Daniele Silvestri (e se volete sapere perché, vi invitiamo a venire a scoprirlo!). La prima che abbiamo abitato è stato il grembo materno, acqueo come il mare, e come lui ricco di storie; la seconda è stata la nostra pelle, che ancora ci custodisce. Dunque noi siamo (anche) le case che abitiamo, e ovunque andiamo siamo a casa, siamo noi, con il nostro carico di sogni, desideri, ricordi e, nello zaino, una manciata di terra, qualche conchiglia e l’odore del mare, a ricordarci sempre la nostra provenienza.

“È qui che io abito, nel centro del mio giorno
Con i piedi per terra, e mare tutto intorno”

Maremè è per noi la (ri)conquista dell’identità senza più paura dell’altro-da-me; abbiamo preso a prestito da Bruno Tognolini e Antonella Abbatiello questa parola di una lingua inventata eppure reale per dare un nome al nostro festival. Mare, che è ciò che ci è vicino e a cui ci affacciamo, e me, ovvero io, tanti io che diventano “noi”.

Noi che vogliamo riscoprire chi siamo e conservarlo, non per difenderci dalla diversità ma per portare, ovunque saremo, in dote la nostra ricchezza.

Noi, coi piedi per terra e con il mare tutto intorno.

DOMU NOSTRA

Torre di Santa lucia

I LUOGHI MAREMÈ

NOVItà

vai a tutte

Con il sostegno di